canederli in brodo

Ieri sono andata a “lezione di canederli” da Teresa, madre di mio cognato di Rocca Pietore, paesino nel cuore delle Dolomiti,venuta in visita a Padova…quindi la ricetta è proprio quella originale!!
Fantastica soluzione “svuota frigo” se si hanno affettati o pane del giorno prima da smaltire. Ho cercato di annotare tutte le dosi e gli step ma seguire una cuoca provetta che, facendoli da sempre, va “a occhio”, non è stato facile!!….è stato un pomeriggio molto divertente e poi la sera ….grande abbuffata in compagnia!! Anche i piccoli hanno molto gradito questo piatto completo e molto nutriente.

ingredienti (per 4 persone):

800 gr pane raffermo (ideale il pane tipo ciabatta perché ha più crosta che mollica)
120 gr salame ungherese in un unico pezzo (o speck)
120 gr prosciutto cotto in unico pezzo
120 gr mortadella in un unico pezzo
2 uova
2/3 bicchieri di latte
4-5 cucchiai di farina
prezzemolo q.b.

procedimento:

Tagliare il pane e gli affettati a cubetti
 (per gli affettati fare cubetti molto piccoli; va benissimo usare affettati che si devono smaltire!) aggiungere sale q.b. e unire il tutto. Sbattere le uova, versarle nel composto di pane e affettati e amalgamare bene il tutto con l’aiuto delle mani
. Aggiungere il latte, il prezzemolo e la farina continuando ad amalgamare il tutto con le mani. Preparo una ciotolina con dell’acqua e, dopo avervi immerso le mani, cominciare a formare delle palle, bagnandole con dell’acqua se necessario. Prova del nove per capire se la consistenza è quella corretta: mettere dell’acqua in un pentolino, e non appena bolle immergervi un piccolo ”canederlo prova” verificando che non si apra ma che rimanga una ”pallina compatta”. Se la prova va a buon fine, preparare del brodo (anche di dado va benissimo!) e non appena bolle immergervi i canederli facendoli cuocere 20 minuti!

 

 

 

Lascia un Commento